Italian Chinese (Simplified) Croatian Czech Dutch English Estonian French Georgian German Greek Japanese Polish Portuguese Russian Spanish
Get Adobe Flash player

Il santo del Giorno

Calendario Eventi

Aprile 2015
L M M G V S D
30 31 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 1 2 3

La Liturgia di Oggi


 

Adorazione Eucaristica

Vª Domenica di Pasqua - Anno “B” -

 

SAC. “O Padre, che ci hai donato il Salvatore e lo Spirito Santo, guarda con benevolenza i tuoi figli di adozione, perché a tutti i credenti in Cristo sia data la vera libertà e l’eredità eterna.” (Colletta)

 

 

 

G. La Chiesa si costruisce a poco a poco; fa progressi, si moltiplica guidata dallo Spirito. Innestata sulla fede nel Cristo risorto la nuova comunità, quale vite feconda, estende i suoi rami.Il cristiano oggi più che mai è chiamato a «portare "molto frutto": nella giustizia sociale, perché essa non sia solo lotta per la conquista di un potere, ma potere di rispetto e di amore per ogni creatura, dal bimbo che fiorisce nel grembo della madre, al vecchio che avvizzisce nella carne, all'ombra di un cronicario e nella solitudine; nella promozione umana, dove l'uomo non è solo il protagonista di una storia senza significato che si ripete all'infinito, ma il figlio e il fratello che nella storia trova la sua strada che conduce al cuore del Padre; nella comunione personale e comunitaria con la persona di Gesù che, se vive nella comunità dei credenti, tuttavia la trascende nella sua pienezza di amore personale. In questo vivere dinamicamente la fede, non solo è glorificato il Padre, ma quella gloria si riversa sul volto dell'uomo dove i tratti della fatica e del dolore non assumono più i segni di una condanna, ma diventano il preludio della vita» (G. Sacino).

 

Canto al Vangelo (Gv 15,4.5)

T.Alleluia, alleluia.

“Rimanete in me e io in voi, dice il Signore,chi rimane in me porta molto frutto.”

T.Alleluia.

 

Dal Vangelo secondo Giovanni: (Gv 15,1-8)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano. Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

Parola del Signore.

 

Pausa di Silenzio

 

G. Gesù è riuscito a sintetizzare tutto quanto detto sopra con una splendida immagine: la vite e i tralci. Ogni affermazione della odierna pagina evangelica è profonda e densa di significato. Il vignaiuolo è il Padre. La vite è Gesù. I tralci siamo noi. L’uomo dei campi guarda la sua vigna con gli occhi dell’amore. Essa è la sua opera d’arte e la pensa come fonte della sua speranza. La lavora e la protegge, la difende dai predatori e su di essa costruisce la sua vita. Così Cristo guarda e protegge noi, come frutto del suo amore, come speranza quotidiana.

Tutti

 

Dal Salmo 22 (21): A te la mia lode, Signore, nella grande assemblea.

 

Scioglierò i miei voti davanti ai suoi fedeli.
I poveri mangeranno e saranno saziati,
loderanno il Signore quanti lo cercano;
il vostro cuore viva per sempre!

Ricorderanno e torneranno al Signore
tutti i confini della terra;
davanti a te si prostreranno 
tutte le famiglie dei popoli. 

A lui solo si prostreranno
quanti dormono sotto terra,
davanti a lui si curveranno
quanti discendono nella polvere.

Ma io vivrò per lui,
lo servirà la mia discendenza.
Si parlerà del Signore alla generazione che viene;
annunceranno la sua giustizia;
al popolo che nascerà diranno:
«Ecco l’opera del Signore!».

 

Pausa di Silenzio

 

1L. Nel Vangelo Gesù si presenta come la vera vite. Con un severo ammonimento, pone subito il problema dei frutti da portare:

 

Cel. «Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia».

 

2L. Noi dobbiamo accogliere questo ammonimento, perché ci stimola a vivere pienamente la vita cristiana e ad avere in noi una gioia profonda.

 

1L. Noi siamo tralci della vite del Signore e, per rimanere in essa, dobbiamo portare frutto. Altrimenti il Padre è costretto a tagliarci. Egli infatti non può tollerare che un membro di Cristo non porti frutto.

 

2L. Perciò dobbiamo vivere una vera vita cristiana; non possiamo portare soltanto l'etichetta di cristiani, ma dobbiamo vivere realmente una vita interiore, e anche esteriore, conforme all'insegnamento di Cristo.

 

1L. Poi Gesù afferma:

 

Cel. «Ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto».

 

1L. Qui si fa riferimento alle prove nella vita cristiana, che sono una realtà necessaria, ma hanno un significato positivo: sono la condizione per una maggiore fecondità.

 

2L. Tutti i santi sono passati attraverso molteplici prove. Le hanno accolte non solo con rassegnazione, ma con gratitudine.

 

1L. Sapevano infatti che in questo modo erano uniti al mistero pasquale di Gesù, e quindi potevano portare maggior frutto per la gloria di Dio e per il bene di tante persone.

 

2L. Gesù ci rivela qual è la condizione per portare frutto:

 

Cel. «Rimanete in me e io in voi».

 

2L. È chiaro che un tralcio non può far frutto da solo, ma ha bisogno della vite. Se non rimane nella vite, si secca e viene buttato via.

 

1L. Allo stesso modo, la condizione essenziale per portare frutto nella vita cristiana è che noi rimaniamo in Cristo e Cristo rimanga in noi.

 

2L. L'Eucaristia che riceviamo unisce Cristo a noi e noi a Cristo, dandoci così la capacità di portare frutto.

 

1L. Senza di essa difficilmente la vita cristiana può essere feconda, perché manca questa forte unione con Cristo.

 

2L. Il tralcio deve ricevere la linfa dalla vite, e così può portare frutto; altrimenti rimane sterile.

 

1L. Gesù afferma:

 

Cel. «Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, porta molto frutto».

 

1L. Per noi è un motivo di grande gioia il sapere che, grazie alla nostra unione con Gesù, la nostra vita è veramente feconda.

 

2L. In che modo? Qual è il frutto che dobbiamo portare?

 

1L. Gesù non lo precisa qui, ma lo possiamo capire da altri passi del Vangelo di Giovanni e del Nuovo Testamento: il frutto principale che i tralci uniti alla vite devono portare è l'amore.

 

2L. Gesù poi dice:

 

Cel. «Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto».

 

2L. Anche questo è un modo in cui noi produciamo frutto.

 

1L. La fecondità della nostra vita dipende dalla nostra preghiera, e noi possiamo aver fiducia che, se preghiamo, saremo esauditi. Il nostro frutto infatti è opera di Gesù attraverso di noi.

 

2L. Perciò dobbiamo chiedere a lui la sua grazia, e poi accoglierla, per compiere con lui l'opera sua.

 

1L. Gesù era unito al Padre, faceva con il Padre l'opera del Padre. Nel Vangelo di Giovanni egli afferma:

 

Cel. «Il Padre che è in me compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse».

 

2L. Il Padre mostra al Figlio tutto ciò che fa, così che il Figlio possa fare con lui tutta la sua opera.

 

1L. Il nostro fare con Gesù la sua opera è la realizzazione effettiva dell'amore.

 

2L. Di solito il nostro amore umano è fecondo; l'amore divino lo è ancora di più. E fecondo con opere di bene, opere veramente utili, che illuminano e rendono bella tutta l'esistenza.

 

1L. Credere e amare, rimanere in Gesù per mezzo della fede e portare frutto per mezzo dell'amore, queste sono le caratteristiche della vita cristiana.

 

2L. La vita cristiana è una vita splendida, che diffonde felicità attorno a sé, una vita luminosa, generosa.

 

Tutti

 

Signore Gesù,

di fronte a Te, Parola di verità

e Amore che si dona,

come Pietro ti diciamo:

“Signore, da chi andremo?

Tu hai parole di vita eterna”.

Signore Gesù,

noi ti ringraziamo

perché la Parola del tuo Amore

si è fatta corpo donato sulla Croce,

ed è viva per noi nel sacramento

della Santa Eucaristia.

Fa’ che l’incontro con Te

Nel Mistero silenzioso della Tua presenza,

entri nella profondità dei nostri cuori

e brilli nei nostri occhi

perché siano trasparenza della Tua carità.

Fa’, o Signore, che la forza dell’Eucaristia

continui ad ardere nella nostra vita

e diventi per noi santità, onestà, generosità,

attenzione premurosa ai più deboli.

Rendici amabili con tutti,

capaci di amicizia vera e sincera

perché molti siano attratti a camminare verso di Te.

Venga il Tuo regno,

e il mondo si trasformi in una Eucaristia vivente. Amen.

  Canto:

 


Pausa di Silenzio

 

3L. Nelle ultime domeniche del tempo pasquale la chiesa ci invita a leggere alcune parole di Gesù riprese e meditate nei cosiddetti «discorsi di addio» del quarto vangelo.

 

4L. È infatti attraverso questi discorsi che ci parla il Cristo della Pasqua, il Signore glorificato attraverso la croce e la resurrezione.

 

3L. Oggi è il caso di una parabola mediante la quale Gesù rivela se stesso, mostrando la propria identità e, insieme, la propria relazione con Dio Padre e con i discepoli:

 

Cel. «Io sono la vite vera e mio Padre è l’agricoltore» ... «Io sono la vite, voi i tralci».

 

4L. Nell'Antico Testamento più volte il popolo dei credenti era stato definito attraverso la metafora della vite, in quanto popolo scelto e piantato da Dio nella terra promessa;

 

3L. Di conseguenza, Dio poteva essere inteso come il padrone della vigna, legato a essa da un rapporto di amore, cura e dedizione.

 

4L. Egli desiderava che questa vigna fosse feconda, che desse frutto abbondante in vista del vino, simbolo dell'amore...

 

3L. Ma ora, dopo la vicenda terrena di Gesù e la sua resurrezione, la vigna è una persona, è Gesù, il Figlio stesso di Dio; egli è vera vite, nel quale tutto il popolo di Dio è corporalmente vivente.

 

4L. Da ciò discende anche l'identità dei discepoli, coloro che sono alla sequela di Gesù Cristo, totalmente coinvolti nella sua vita e nel suo destino.

 

3L. Essi sono tralci e, in quanto tali, devono rimanere attaccati alla vite per riceverne la linfa: questa non è solo la condizione necessaria per portare frutto, ma è questione di vita o di morte...

 

4L. Sì, il discepolo di Gesù non è colui che si limita a conoscere il suo insegnamento, ma è colui che rimane saldamente legato a lui in un rapporto di amore, in un radicale coinvolgimento di vita.

 

3L. Gesù non è semplicemente un maestro spirituale da ascoltare, come tanti esistiti in diverse vie religiose: per essere suoi discepoli, per essere cristiani, occorre vivere insieme a lui.

 

4L. Gesù stesso definisce questa relazione attraverso il verbo «rimanere, dimorare»:

 

3L. Il discepolo autentico di Gesù è chiamato a vivere con perseveranza in lui, fino a fissare in lui la propria abitazione, a dimorare nella sua parola, ad abitare il suo amore; fino ad affermare:

 

Cel. «Io e Gesù viviamo insieme!»...

 

4L. Al contrario, senza questa circolazione di vita che dal Padre scende in Gesù e da Gesù in noi, la vita cristiana può anche declinarsi come pratica religiosa, ma in verità è pura «scena mondana».

 

3L. Ogni cristiano è dunque avvertito: senza questo legame personale con Gesù Cristo, egli non solo «non può fare nulla», ma neppure ha in alcun modo a che fare con Gesù il Signore!

 

4L. Ed è proprio questa la via più quotidiana per divenire ipocriti: dirsi cristiani senza esserlo...

 

3L. Sentirsi tralcio di una vite è esperienza di chi sa di essere sotto le cure del vignaiolo, il Padre, il quale, se anche ci pota, lo fa solo perché portiamo un frutto più abbondante;

 

4L. È esperienza di chi impara a portare frutto a nome del ceppo, della vite, attraverso una linfa di cui partecipa ma che non gli appartiene;

 

3L. È esperienza di essere tralcio insieme ad altri tralci, i fratelli e le sorelle, e, di conseguenza, di essere vera chiesa di Dio solo se radicati in Cristo.

 

4L. Davvero diventare discepoli, e diventarlo insieme, non è questione di un'ora, di una stagione della vita, ma è un percorso lungo e faticoso, in cui siamo chiamati a perseverare, a rimanere in comunione con Cristo.

 

3L. E così, giorno dopo giorno, il legame di amore con il Signore ci consentirà anche di accedere all'amicizia con lui...

 

4L. Sant'Ignazio di Antiochia solo al termine di una lunga vita, mentre si avviava al martirio, ha osato scrivere: «Ora comincio a essere discepolo di Cristo!».

 

Tutti

 

Signore Gesù,

ci proponi di restare in comunione con te

per ricevere linfa vitale, come il tralcio fa con la vite.

Ogni taglio, nella vita, produce sofferenza.

Tu solo sai quanto amore c’è nel dolore di chi soffre.

Con l’amputazione del tralcio,

non finisce la vita, anzi ne nasce una nuova.

Come la vita nasce

e si sviluppa nella profondità della terra,

così tu, Signore, generi la vita

nelle doglie della croce.

Noi siamo tralci deboli che necessitano di potatura

per portare maggiori frutti di opere buone.

Donaci di non fermarci

a contare le foglie secche che cadono,

ma a gioire per il più piccolo racemo

che porta frutti di bontà.

 

Pausa di Silenzio

Canto:

Meditazione

Preghiere spontanee

Padre Nostro

 

G. Ognuno di noi, Gesù, desidera che la sua vita sia feconda e porti un frutto buono ed abbondante. Ognuno di noi vorrebbe sfuggire ad una sterilità che mortifica e rende inutile la sua esistenza. Ognuno di noi si attende di poter esprimere il meglio di se stesso, quanto di più prezioso e nobile si porta dentro. Eppure tutto questo non è possibile se non rimaniamo uniti a te, se ci lasciamo afferrare dall’illusione di poter fare da soli, contando unicamente sulle nostre forze. Liberami, dunque, Signore, dall’orgoglio che non mi permette di riconoscere le mie debolezze. Liberami dalla presunzione di non aver bisogno di te e degli altri, della tua grazia e del loro aiuto. Donami la gioia di accogliere con rinnovata riconoscenza la linfa vitale che tu immetti nel circuito della mia vita. Donami la perseveranza che mi induce a rimanere attaccato a te anche quando arriva il tempo doloroso della potatura e non solo la festa del raccolto.

 

Tutti

Preghiera per le vocazioni sacerdotali

Obbedienti alla tua Parola, ti chiediamo, Signore:

“manda operai nella messe”. Nella nostra preghiera, però,

riconosci pure l’espressione di un grande bisogno:

mentre diminuiscono i ministri del Vangelo,

aumentano gli spazi dov’è urgente il loro lavoro.

Dona, perciò, ai nostri giovani, Signore,

un animo docile e coraggioso perché accolgano i tuoi inviti.

Parla col Tuo al loro cuore e chiamali per nome.

Siano, per tua grazia, sereni, liberi e forti;

soltanto legati a un amore unico, casto e fedele.

Siano apostoli appassionati del tuo Regno,

ribelli alla mediocrità, umili eroi dello Spirito.

Un’altra cosa chiediamo, Signore:

assieme ai “chiamati”non ci manchino i “chiamanti”;

coloro, cioè, che, in tuo nome,

invitano, consigliano, accompagnano e guidano.

Siano le nostre parrocchie segni accoglienti

della vocazionalità della vita e spazi pedagogici della fede.

Per i nostri seminaristi chiediamo perseveranza nella scelta:

crescano di giorno in giorno in santità e sapienza.

Quelli, poi, che già vivono la tua chiamata

- il nostro Vescovo e i nostri Sacerdoti -,

confortali nel lavoro apostolico, proteggili nelle ansie,

custodiscili nelle solitudini, confermali nella fedeltà.

All’intercessione della tua Santa Madre,

affidiamo, o Gesù, la nostra preghiera.

Nascano, Signore, dalle nostre invocazioni

le vocazioni di cui abbiamo tanto bisogno. Amen.

(+ Marcello Semeraro Vescovo di Albano)

 

 

 

 

Canto: Tantum Ergo


Tantum ergo Sacramentum

Veneremur cernui

Et antiquum documentum

Novo cedat ritui

Praestet fides supplementum

Sensuum defectui.

Genitori Genitoque

Laus et jubilatio

Salus, honor, virtus quoque

Sit et benedictio.

Procedendi ab utroque

Compar sit laudatio.


 

 

V Hai dato loro il pane disceso dal cielo.

R Che porta con sé ogni dolcezza.

 

O Padre, che nella morte e risurrezione del tuo Figlio hai redento tutti gli uomini, custodisci in noi l'opera della tua misericordia, perché nell'assidua celebrazione del mistero pasquale riceviamo i frutti della nostra salvezza. Per Cristo nostro Signore.

Amen

 

Elevazione del Santissimo Sacramento e Benedizione Eucaristica.  Al termine: Acclamazioni:

Dio sia benedetto.

Benedetto il  Suo Santo Nome.

Benedetto Gesù Cristo vero Dio e vero Uomo.

Benedetto il Nome di Gesù

Benedetto il suo Sacratissimo Cuore.

Benedetto il suo Preziosissimo Sangue.

Benedetto Gesù nel santissimo sacramento dell’altare.

Benedetto lo Spirito Santo Paraclito.

Benedetta la gran Madre di Dio, Maria Santissima.

Benedetta la sua Santa ed Immacolata Concezione

Benedetta la sua gloriosa Assunzione.

Benedetto il nome di Maria, Vergine e Madre.

Benedetto San Giuseppe suo castissimo sposo.

Benedetto Dio nei suoi angeli e nei suoi santi.